Si fa un gran parlare in questi giorni di un fantomatico killer che si affaccia alla scena delle applicazioni rich Internet. Si tratta di HTML5 che almeno nei propositi sembra una buona e interessante cosa. Le vittime dovrebbero essere ovviamente gli odiati Flash (& co), Silverlight e JavaFX, colpevoli secondo i detrattori del peccato originale di essere piattaforme proprietarie.

Ora, io non ho la sfera di cristallo per prevedere il futuro, ma stando che:

1) html5 è ancora un draft del w3c

2) nonostante questo si cominciano a vedere delle implementazioni proprietarie il che significa che le interpretazioni tenderanno a divergere

3) non è che poi quello che si intravede nelle demo attuali sia poi così entusiasmante

La mia analisi è semplice: arriveremo fra svariati mesi, probabilmente un po' tardi rispetto a quello che il mercato di aspetta, ad avere una implementazione html5 che soffre di tutti i difetti delle precedenti release di html. Browser diversi comportamenti diversi e quindi la quotidiana lotta dell'htmlista a convincere i browser a comportarsi allo stesso modo portata all'estremo.

Ma poi perchè? Volendo implementare un sito un po' più accattivante vai a convincere il tuo grafico che html5 può fare meglio di flash (e soprattutto anche se lo convinci chi glielo fa fare a perdere tutto 'sto tempo dietro alla compatibilità se flash è già installato ovunque?). Se invece devo realizzare una applicazione, di certo html5 non mi aiuta, e in termini di produttività scegliere una piattaforma ria (una qualunque) è certamente più serio.

Ora, mi potrete dire che io sono "infoiato" di Silverlight e probabilmente avete anche ragione, ma sono un po' stanco di avere a che fare con le orde di "salvatori del mondo" soprattutto se nascono in partenza con le armi spuntate.... Io sono uso a dare a Cesare ciò che è di Cesare e se le premesse sono queste il mondo perderà ancora una volta l'appuntamento con la sua salvezza. (ma salvezza da che?)

Naturalmente IMHO.


Commenti (3) -

# | Luca Mauri | 02.07.2009 - 01.25

Perfettamente d'accordo con quanto dici...e ora che sto cominciando a fare qualcosa con Silverlight...ne sono ancora più convinto...

# | Simone | 02.07.2009 - 01.51

"Si parla, si parla..." sappiamo tutti c'è una buona fetta di IT workers che sono contro tutto quello che è proprietario (vedi ultimamente Stallman che dice che Mono non deve andare su Linux).
Ma veniamo alla discussione su HTML5 vs RIA:
tu faresti un blog tutto il flash o silverlight?
tu faresti la gazzetta dello sport tutta in SL?
tu faresti un qualunque altro sito web con un framework RIA?
Io no.
Ogni strumento ha le sue peculiarità e i suoi pregi e i suoi utlizzatori.

La tua ultima domanda invece è quella che più mi fa pensare:
"Se invece devo realizzare una applicazione, di certo html5 non mi aiuta, e in termini di produttività scegliere una piattaforma ria (una qualunque) è certamente più serio"
Quindi tu saresti tra quelli che non farebbero più web application con HTML + JS, ma solo con RIA?

# | Andrea Boschin | 02.07.2009 - 01.56

> tu faresti un blog tutto il flash o silverlight?

no

> tu faresti la gazzetta dello sport tutta in SL?

probabilmente sì.

> tu faresti un qualunque altro sito web con un framework RIA?

probabilmente no

ma questi "no" sono motivati solo dal fatto che l'html così com'è va già bene e non mi serve altro. soprattuto se una nuova implementazione significa nuovi problemi.

> Quindi tu saresti tra quelli che non farebbero più web application con HTML + JS, ma solo con RIA?

sì, mi sto orientando in questa direzione. Ormai ritengo che il sorpasso sia possibile. Auspicabile lo è già da tempo.

Aggiungi Commento